sabato 22 novembre 2008

I Griffin e Graham Chapman


"It seems today that all you see is violence in movies and sex on Tv. But, where are those good ol' fashion values ... on which we used to rely? Luckily there's a Family Guy! Luckily there's a man who, positively can do all the things that make us ... Laugh and cry! He's a Fa-mi-ly Guy".

"Mi hanno detto che tu ami gli animali, così ti ho preparato un combattimento di galli a sorpresa".

I Griffin (in originale Family Guy) sono un cartone animato bandito nei seguenti paesi: Israele, India, Indonesia, Malaysia, Taiwan, Cina, Albania, Polonia e Corea del Sud. In altri, tra i quali l'Italia, sono usciti con tagli e censure e l'emittente Italia 1 è stata multata per 25.000 euro con la motivazione che il cartone è "caratterizzato dall'uso di espressioni volgari e di turpiloquio".

La serie, nata dalla fantasia dello sceneggiatore e disegnatore americano Seth MacFarlane, racconta le vicende di una famiglia di Quahog, un immaginario paesino del Rhode Island. La famiglia è così composta: il padre Peter, un grasso, stupido e ignorante individuo, perennemente attaccato alla televisione. La madre Loise, figlia di una famiglia aristocratica e mancata pianista. Il figlio maggiore Chris, un imbecille con la passione per il disegno. La figlia Meg, un'adolescente disadattata. Il figlio più piccolo Stewie, un genietto che progetta avveniristici macchinari per realizzare i suoi due motivi di vita: conquistare il mondo e uccidere la madre. Infine, il cane Brian, raffinato intellettuale con un spiccata predilezione per l'alcool e in costante lotta tra i suoi gusti raffinati e la sua natura animale. Le loro storie, quanto di più politicamente scorretto si possa immaginare, sono arricchite da una pazzesca corte dei miracoli: una coppia di vicini di casa: lui ex poliziotto ora una specie di Rambo in sedia a rotelle e una moglie perennemente incinta. L'amico di famiglia, un pilota degenerato e maniaco sessuale, il sindaco della cittadina un onanista paranoico, drogato di barrette al ribes e così via di questo passo. Niente si salva; religione, razza, sesso, politica, tutto passa nel tritacarne di un umorismo ruvido e spigoloso. Ricchissima di citazioni della cultura popolare americana, la serie assomiglia molto a "I Simpson" ma, mettendole al confronto, i Griffin vincono in cattiveria e acidità.

C'è un limite all'umorismo? Ci sono argomenti sui quali non si può scherzare? No. Almeno per me. Sempre che lo sberleffo e la risata intendano stimolare il cervello e la coscienza e non si fermino sotto l'ombelico.


I Monty Python sono stati il più feroce e sguaiato gruppo comico inglese (chi ha visto "Il senso della vita" sa a cosa mi riferisco), non c'era argomento che non finisse nei loro sghignazzi e applicarono questa regola anche su loro stessi. Uno di loro, Graham Chapman, ammalatosi di una incurabile forma di tumore alla gola, lavorò fino agli ultimi mesi di vita e, in uno dei suoi sketch, ironizzò sulla malattia. Alla sua commemorazione ufficiale, due mesi dopo la morte, l'elogio funebre venne tenuto dall'amico e collega John Cleese; quel discorso è ricordato come uno dei più brillanti e divertenti discorsi pubblici della storia britannica

Vorrei avere anch'io un John Cleese al mio funerale.


7 commenti:

yodosky ha detto...

"Voi inglesi, sempre così pomposi".
Anche se naturalmente la mia preferita del Senso della Vita è la ferocissima satira sul cattolico che deve mandare i diecimila figli a fare da cavie perchè "every sperm is sacred".
Per quanto riguarda i Griffin, ogni tanto me li gusto. Ma devo dire che preferisco molto i Simpson, non c'è niente da fare. Anche se ritengo che Pete Griffin abbia un'inquietante somiglianza con Tonnellotto. Non credi?

Anonimo ha detto...

e TRACY CHAPMAN? WOOLRICH & SONS

diogene ha detto...

Si. Gli assomiglia anche come intelligenza.

Tracy Chapman. Non era una noiosissima cantante? Woolrich & sons? Mi fa venire in mente una cattiveria...

Anonimo ha detto...

e invece se ti va bene avrai me! the Grinch

diogene ha detto...

The Grinch, sono onoratissimo. E' un ospite molto gradito. Specie con l'approssimarsi del Natale.

Tic. ha detto...

Chapman andò in televisone a far battute sui malati di cancro come lui.
Era un grande.
Perché era intelligente.

yodosky ha detto...

Ma che dici, se ogni volta che ironizzo sulla mia fine mi dici di piantarla.
La mia preferita, in Patch Adams, dice: "Se ti seppelliscono con il culo fuori saprò dove parcheggiare la mia bicicletta".